martedì 14 luglio 2009

i lavori incompiuti di Via Pascarella e Via Simoni:l'assessore Simini assicura la ripresa dei lavori

L'assessore Simini assicura gli abitanti delle case popolari di Via Pascarella e via Simoni: la ripresa dei lavori avverrà entro due mesi. Domani ci sarà l'incontro tra il Comune e la Incos, la nuova impresa che subentra a quella fallita, L'Idea Casa (si era aggiudicata l'appalto con un ribasso del 32,75% dell'importo). Leggi tutto l'articolo di Giulia Guerri apparso oggi su Il Giornale . CLICCA QUI per scaricare il pdf.
Balconi senza ringhiere, parte l’operazione sicurezza - Articolo di Giulia Guerri del 14/07/09 su Il Giornale

L’annuncio arriva direttamente dall’assessore ai Lavori pubblici Bruno Simini: «La società che subentra alla ditta che è fallita, c’è. E domani ci sarà un incontro tra il Comune e la nuova impresa per pianificare i lavori. Il disagio è finito, si volta pagina». La pagina in questione è quella aperta sui sette condomini di Quarto Oggiaro, in via Simoni 3 e in via Pascarella 18/20, dove da aprile duecentocinquanta famiglie vivono intrappolate in un’impalcatura senza alcuna protezione. La ditta che si doveva occupare degli interventi di ristrutturazione della facciata se ne è andata tre mesi fa, lasciando i balconi senza ringhiere e gli appartamenti senza finestre. In pratica, bastano pochi passi dal salotto al primo ponteggio per fare un salto nel vuoto di un’ottantina di metri.
Ma andiamo con ordine. Con 5 milioni e 271mila euro, la società «L’idea casa» si aggiudica l’appalto con un ribasso del 32,75 per cento - la cifra a base d’asta è di 7 milioni e 795mila euro - per l’intera opera. Si tratta di un intervento importante, ovvero ristrutturare la facciata degli edifici, rifare i balconi, sostituire le vecchie ringhiere, mettere dei frangisole, cambiare le finestre. Oltre a sistemare tetti e cantine. I lavori cominciano a settembre 2008, ma dopo qualche mese gli operai spariscono. Da un giorno all’altro - giurano gli inquilini -: mollano tutto il materiale nel giardino e li lasciano lì così, sospesi nel precipizio. «Le società che vincono l’appalto hanno i requisiti per farlo sulla carta, poi se subentrano delle difficoltà per cui falliscono, l’amministrazione ne subisce i danni, così come i cittadini», continua Simini. Come a dire che, in casi come questi, il Comune è parte lesa tanto quanto i condomini. «Siamo in balia delle regole da rispettare e nelle mani del Signore che l’impresa sia buona». Già, e c’è da ringraziare il cielo che episodi come questo non accadano poi così spesso. E però, come è possibile lasciare bambini, anziani e adulti per tre mesi sospesi nel vuoti, in edifici che non rispettano alcuna norma di sicurezza? «La responsabilità del cantiere è dell’impresa, il Comune verifica che i lavori vengano fatti nei tempi». In casi come quello di Quarto Oggiaro, cioè, l’amministrazione subisce il fermo cantiere e per mettere la nuova impresa deve bandire un’altra gara. «Ci sono delle leggi da rispettare e in questo caso la soluzione che abbiamo trovato è stata più veloce del solito. Siamo intervenuti con un appalto aperto e per fortuna, dico io, c’è una società che sta per portare a termine i lavori». Dando priorità agli interventi per la messa in sicurezza degli stabili, promette Simini. La nuova ditta in questione è la «Incos» che ha preso in affitto una parte dell’Idea casa. «Alla vecchia impresa pagheremo solo i lavori fatti e se ci sono delle penali le applicheremo. Come questi mesi di ritardo, ingiustificati. Non sborseremo un euro di più del dovuto. Oltre il danno, ci manca solo la beffa».

Nessun commento:

Posta un commento