lunedì 11 giugno 2012

LARGO BOCCIONI: IL DEGRADO SI BATTE CON LA CULTURA


I residenti, esasperati, hanno chiamato per mesi vigili e polizia. Non ha funzionato: nonostante le decine di visite delle forze dell'ordine, il sequestro di 15 motorini, gli avvertimenti fatti dagli uomini in divisa ai loro genitori, gli Snow Kids continuano a terrorizzare la corte di case popolari in via Boccioni 10. La banda di minorenni, tutti fra i 12 e i 14 anni, non ha smesso di devastare porte e cancelli, imbrattare i muri, derubare e minacciare gli anziani residenti. 
Da qui, l'idea: «Visto che la repressione non ha ottenuto i risultati sperati, proveremo a fermarli con la cultura», dice una ragazza che abita nel complesso residenziale del Comune, fra Vialba e Quarto Oggiaro. «La banda di ragazzini ha stabilito la propria base nel cortile dei palazzi  spiega Fabio Galesi, 25 anni, consigliere del Pd in Zona 8  proprio lì, nelle sere del weekend, proietteremo film, faremo incontri e aperitivi. Renderemo vivo quello spazio, di modo da sottrarlo al degrado». 
I residenti hanno già chiesto le chiavi della portineria ad Aler, che gestisce il caseggiato in collaborazione con gli stessi inquilini. Sarà proprio il casello del custode  più volte danneggiato dai giovanissimi vandali  il cuore della 'rivoluzione culturale' che dovrebbe riportare la sicurezza nei palazzi. «Un residente a turno presidierà la guardiola ogni sera dalle 20 a mezzanotte - dice Galesi - nel fine settimana partirà la programmazione degli spettacoli e degli incontri». Anzitutto, il cineforum con i film proiettati direttamente sui muri dei palazzi. Fra i primi titoli scelti, quelli che parlano della realtà del quartiere come 'Fame Chimica', ambientato a Quarto Oggiaro, e i filmati tratti dai libri di Gianni Biondillo. «La speranza è che i ragazzini si interessino al cinema  dice una residente  e vedendo il cortile come un luogo finalmente vivo smettano di considerarlo un posto brutto, inutile e da devastare per noia». Per Simone Zambelli, presidente del consiglio di Zona 8, «l’iniziativa è originale e promettente, potrebbe risolvere una situazione di illegalità che si trascina da troppo tempo».
http://milano.repubblica.it/cronaca/2012/05/24/news/la_piazza_diventa_cinema_per_allontanare_i_baby_bulli-35793043/

Nel frattempo sono iniziati i lavori da parte di Aler, azienda che gestisce le case popolari di Milano. Sono stati aggiustati tutti i lampioni, chiuse le seconde uscite, manutenzione a tutti i portoncini d'ingresso, pulizia delle cantine e locali spazzatura, sistemata la cancellata divelta, e a settembre le caselle della posta saranno dentro ad ogni scala, verrà potenziata l'illuminazione nel cortile. 

per leggere l'articolo intero:

Nessun commento:

Posta un commento