giovedì 26 dicembre 2013

Resoconto dell'incontro con l'Assessore Carmela Rozza sul progetto Ex Gronda Nord

Alla cortese attenzione dei Cittadini di Quarto Oggiaro e di Milano tutta
ed in particolare dei sostenitori e firmatari della PROPOSTA Alternativa
del COMITATO QUARTO OGGIARO per l’interramento della GRONDA Nord
e per la conservazione del passaggio su via Fabrizi per tutta la durata dei lavori.

Giovedì 19 dicembre, si sono riuniti in seduta congiunta, presso il Consiglio di Zona 8,
le Commissioni di Ambiente e Mobilità e quella di Urbanistica e lavori pubblici,
per un incontro tra l’Assessore ai Lavori pubblici del Comune di Milano, Carmela Rozza,
gli ingegneri Costa e Papetti di Metropolitana Milanese azienda vincitrice della gara d’appalto
ed il Comitato Quarto Oggiaro per discutere la proposta alternativa avanzata dal Comitato
sui lavori della superstrada GRONDA NORD tratto ERITREA-FABRIZI.


L’ing. Costa di MM ha illustrato l’intera opera, dalla quale si evince che in largo Boccioni
saranno eliminati l’ingresso e l’uscita veicolare per accedere alle tangenziali e all’area EXPO.

Angelo d’Auria per il Comitato, ha illustrato la proposta alternativa con la quale si chiede la copertura completa
della superstrada nel tratto attualmente scoperto tra via Eritrea e via Fabrizi.
Ha chiesto inoltre il rispetto del progetto che in via Fabrizi prevede di mantenere la viabilità ed il transito pedonale
anche per tutta la durata dei lavori.
Ha poi sollecitato la politica a non perdere l’opportunità di smentire l’ipocrisia delle parole con cui
l’Expo definisce la propria missione a partire da Quarto Oggiaro, ha chiesto quindi
che l’EXPO COMINCI DA QUARTO OGGIARO con l’interramento del tratto di GRONDA NORD, ERITREA-FABRIZI!

L’assessore Carmela Rozza, per il Comune di Milano, ha affermato che riconosce i disagi dei cittadini
per la chiusura del passaggio di via Fabrizi, pertanto ha detto che i tecnici stanno già predisponendo
un progetto per la realizzazione di una passerella ciclopedonale per superare l’ampia area di cantiere che interessa via Fabrizi,
che sarà pronto a gennaio e sarà messa in opera entro marzo/aprile e che sarà utilizzata per tutta la durata dei lavori.
Intanto il passaggio pedonale resterà aperto con la presenza di una persona per aiutare il transito dei cittadini nell’area di cantiere.
Sulla questione copertura, “prendiamo l’impegno politico di coprire la strada e stiamo lavorando sul progetto che sarà
pronto per gennaio/febbraio e che vi mostreremo insieme al progetto della passerella per via Fabrizi.
Lavoreremo per potervi garantire la copertura massima possibile.
Opereremo questi due accorgimenti: la copertura così come proposta dal Comitato Quarto Oggiaro
e la passerella provvisoria per via Fabrizi ed inoltre con la piantumazione di alberi (nell’area tra via Eritrea
e via Fabrizi), è vero che il quartiere subisce l’intervento della strada che appare come una violenza,
ma con queste opere di compensazione si mantiene l’equilibrio tra l’esigenza di fare la strada
ed il rispetto della qualità della vita dei cittadini del quartiere."

Angelo d’Auria per il comitato, ha ringraziato l’assessore per la sua disponibilità a dialogare con i cittadini
ed ha chiesto di poter partecipare alla ricerca delle soluzioni progettuali relative alla copertura.

Il Comitato intende ringraziare vivamente quanti hanno partecipato alla seduta del Consiglio di Zona.

Nessun commento:

Posta un commento