martedì 10 marzo 2015

Libro, Secondo e Contorno: Giovedì 12 Marzo Piazzetta Capuana

Libro,secondo e contorno….indovina chi legge a cena?
UNA SFIDA CULINARIA DI LIBRI IN PADELLA!

Ore 20.00: CENA presso il Circolo Arci di Piazzetta Capuana
a cura di Andrea Marchi & Paolo Pasi

Ore 21.30: PRESENTAZIONE MUSICALE ANARCHICA
DI Paolo Pasi con HO UCCISO UN PRINCIPIO
ed. Eleuthera

(29 luglio 1900: i tre colpi di pistola che hanno cambiato la storia d'Italia.)

Nell'afa di una Milano ancora intontita per le cannonate che il generale Bava Beccaris ha sparato sulla folla inerme, un tessitore anarchico di trent'anni aspetta il suo momento. È appena tornato dall'America, dove è emigrato per sfuggire alla miseria e alle persecuzioni, e ha con sé una rivoltella appena comprata a New York. Il suo obiettivo è il petto pieno di medaglie di Umberto I di Savoia, quello che la retorica monarchica chiama il Re Buono e che il popolo ha invece ribattezzato Re Mitraglia dopo i morti di Milano, e della Sicilia, e della Lunigiana… I tre colpi che Gaetano Bresci spara al cuore del re non colpiscono solo il singolo ma anche la sacralità del suo potere. E il quarto colpo, quello non esploso, Bresci sa di averlo sparato contro se stesso. Percosse, isolamento, deprivazione sono quello che si aspetta. Forse anche l'omicidio camuffato da suicidio. Ma a Monza quella sera di luglio la mano del tessitore anarchico non trema.


DESCRIZIONE INIZIATIVA
---------------------------------------------->>>>>>>>>>>>>>>>

Con il progetto Indovina chi legge a cena? , a Quarto Posto, continuiamo il nostro percorso di avvicinamento tra realtà apparentemente distanti.
Il nostro pensiero è ai lettori: con l'idea di far rivivere il libro stampato nelle “periferie culturali”. 
E agli autori: con la proposta di dar voce e pancia agli scrittori di oggi, vecchi o giovani che siano, che non hanno alle spalle i colossi dell'editoria e che pensano che avere un “palco” per presentare le proprie opere prime o semi prime, in un contesto popolare e conviviale sia una bella occasione. 
La rassegna di presentazioni dei libri in realtà non si limiterà a piacevoli chiacchiere, ma sarà un piccolo concorso gastronomico! 
Le presentazioni infatti avverranno durante una buna cena a tema (il tema sarà il libro stesso) in cui uno chef ispirato dall'autore metterà a punto un menù dedicato alle sue pagine.
Chef e autore potranno collaborare per la cena come meglio credono. 
Alla fine della serata gli uditori mangianti valuteranno separatamente autore e chef e alla fine delle 5 "cene d'autore" previste lo chef e l'autore più votati (anche se non inizialmente accoppiati) dovranno improvvisarsi in un'ultima sfida cultural-culinaria, sorprendendo il loro pubblico affamato!

A cura di "ARCI QUARTO POSTO " e con la collaborazione di "LIBRERIA LES MOTS" 

I PROSSIMI APPUNTAMENTI:

16 APRILE 
Claudio Metallo con Come una foglia al vento- cocaine bugsed. CasaSirio Edizioni

Fine anni ‘80. Peppe Blaganò ha una grande passione per il calcio sudamericano, un piccolo mobilificio in Calabria e una valanga di debiti. L’unico modo per evitare il fallimento dell’attività è accettare la proposta dei Rombolà, la famiglia di ‘ndranghetisti che controlla la zona, disposta ad aiutarlo in cambio di qualche favore.
Nel giro di pochi anni, Peppe diventa il primo intermediario della ‘ndrangheta in Colombia. La maggior parte della cocaina che entra in Italia passa dalle sue mani ed è pieno di soldi, ma il debito che lo lega ai Rombolà sembra inestinguibile. Quando la polizia si mette sulle sue tracce, i Rombolà non tardano a emettere una sentenza di morte e Peppe ha una sola via per rimanere in vita: fregare in un colpo solo ‘ndrangheta, polizia italiana e narcos colombiani.
Mischiando calcio e cocaina, narcotraffico e cibo, Colombia e Roberto Baggio, Claudio Metallo tira fuori un romanzo che più veloce non si può, capace di trascinare il lettore nella storia dalla prima all’ultima riga.

14 MAGGIO
Stefano sgambati con Gli eroi imperfetti ed.Minimumfax-Finalista al Premio Letterario Massarosa-

Un uomo anziano dai modi fini e studiati, di nome Gaspare, durante un classico «gioco della verità» al termine di una cena tra amici racconta un segreto che riguarda sua moglie, il cui cadavere fu trovato nel Tevere anni prima. La verità è talmente sconvolgente che la routine di due commensali (un vinaio e sua moglie) va in crisi per il semplice fatto di averla ascoltata. Chi non è al corrente di come sono andati i fatti è invece Irene, la figlia di Gaspare, una ragazza affascinante e problematica, il cui unico modo per sfuggire al malessere che la attanaglia da quando è piccola sembra quello di condurre una vita sessuale senza regole né gerarchie. Peccato che di Irene si innamori Matteo, un libraio che lavora a pochi metri da casa di lei, deciso a tutto pur di portarla verso una relazione stabile, persino a scoperchiare la terribile verità che circonda la morte di sua madre. Gli eroi imperfetti è una storia oscura e sensuale, che mescola giallo, eros e romanzo di formazione, popolata da personaggi le cui vite si intrecciano illuminando in modo indimenticabile le paure, i desideri e le speranze che pulsano sotto l’apparente normalità di tutti noi.


18 GIUGNO
Giorgio Fontana con Babele 56 ed.Terredimezzo

Una raccolta di otto storie di immigrati a Milano. Reportage narrativo e canto lirico insieme: un libro sulla città che cambia.
Scritto fra il gennaio e il giugno del 2008. Finalista al Premio Tondelli 2009. 
dal risvolto di copertina: "Un giorno esci per andare al lavoro e ti accorgi che il tabaccaio sotto casa - Il tabaché del vintitrì, chiuso da tempo - ha ripreso vita: due ragazzi asiatici sistemano bottiglie di liquori e birra sugli scaffali bianchi. Quel giorno “posso dire di non aver visto soltanto un negozio che riapriva, ma una particella del processo di meticciamento di Milano”.
Una città nuova, fatta di mille nazionalità, che sta nascendo sotto i nostri occhi e che Giorgio Fontana, giovane scrittore di talento, ha deciso di seguire - usando i mezzi pubblici e in particolare l'autobus 56, uno dei più multietnici di Milano - e di raccontare. È così che nasce questo libro “in otto fermate” per altrettanti volti: come Karkadan, rapper tunisino di stanza al quartiere Isola, Kamal, che in Sri Lanka era un giocatore di cricket semi-professionista e qui è custode in un condominio, o José, peruviano, oggi editore vicino a piazzale Loreto... "

16 LUGLIO
Elvio Calderoni con Lasciami senza fiato ed. Miraggi edizioni

Coinvolgente e senza pause, lasciamisenzafiato è un romanzo d’amore e di amori. Di rapporti instabili, passioni, cadute e promesse non mantenute. Due donne molto diverse, legate allo stesso uomo. Due fratelli con un rapporto così speciale da sembrare gemelli. Un maestro e un giovane discepolo, uniti dalla musica. Le vicende dei cinque protagonisti si snodano intrecciandosi in una fitta e ingegnosa rete di coincidenze: Alessandro, Irene, Clara, Federico e Barnaba si incontrano e si perdono, oltre le distanze e oltre la loro stessa volontà, nel mondo reale e nello spazio virtuale delle chat e dei blog. Finché la morte non fa irruzione in questa trama di relazioni, e il dolore svela le geometrie nascoste e rimescola i ruoli, ricomponendo un quadro incrinato e incompleto, ma più autentico. Lasciamisenzafiato è un romanzo sull’anima, le sue mancanze e la sua forza inesauribile.

Nessun commento:

Posta un commento