Attraverso Quarto Oggiaro - Mostra fotografica

 


INTRODUZIONE MOSTRA ATTRAVERSO QUARTO OGGIARO


- Il percorso di visita ai quartieri di Quarto Oggiaro e Vialba dagli anni ’30 proposto nelle pagine a seguire, è nato dalla collaborazione tra l’associazione Villa@perta, i “Vecchi” Amici di Quarto Oggiaro e l’Asp Golgi-Redaelli nell'ambito del progetto MilanoAttraverso. Si propone come approfondimento alle tematiche proprie della mostra “Costruire e abitare la periferia” visitabile virtualmente.

La mostra virtuale intende sottolineare alcuni aspetti della realtà di Quarto Oggiaro e Vialba, quali lo sviluppo edilizio dalle antiche ville storiche alle cascine fino alla nascita degli alloggi popolari, l’industria, la socialità, le cerimonie, lo sport, in un mix che ripercorre la storia nel secolo scorso.

- Le immagini provengono dagli archivi di diverse realtà di quartiere e dalle raccolte personali degli abitanti di Quarto Oggiaro e Vialba che le hanno gentilmente messe a disposizione per la realizzazione del progetto “Attraverso Quarto Oggiaro”. Si Ringraziano per i contributi forniti i “vecchi” Amici di Quarto Oggiaro, Fondazione Carlo Perini, Archivio fotografico Aldo Palazzi, le Parrocchie del decantato di Quarto Oggiaro e Vialba, Cesare Snelli, Emanuela Bozza, Franco Pugnaloni, Luca Pedroli, Maria Luisa Raimondi, Massimo Pozzi, Miriam Redemagni, Paolo Bellomo, Renato Siciliano, Rosina Zafaro.


Pannello 1 - orizzonte e società (gli spazi del quartiere)



Accanto al palo n°37 sulla Via Eritrea è ancora oggi visibile un pezzo di storia della vecchia cartellonistica stradale: 
Quarto Oggiaro

(Foto R. Siciliano).








Veduta aerea dei quartieri di Quarto Oggiaro - Vialba - Vecchia Musocco - alla metà degli anni '70.


Vecchio ponte di Via Palizzi: serbatoi della FINA.La raffineria nasce nel 1927 come "ABCD" (Asfalti, Bitumi, Catrami e Derivati) e diventa "Permolio" nel 1946. Nel 1951 si fuse con i belgi della “Fina” (da qui  in poi Petrofina) cambiando poi nome in “Purfina”. Dal 1999 diventò Total e infine Total Erg. Oggi l'area è diventata il Parco Franco Verga, conosciuto anche come Parco Certosa, inaugurato nel 2007 sull'area riqualificata dell'ex raffineria.






Accampamento nomadi di Via Fattori angolo cavalcavia di Via Palizzi.Il campo rimase in loco per circa 30 anni e poi venne smantellato nel 1998 per far posto all'attuale Esselunga di Milano Certosa e alla costruzione del complesso residenziale di EuroMilano.
( Foto L. Pedroli).





pannello 1 bis - cascine e tracce di antichi insediamenti




Veduta della settecentesca Villa Caimi Finoli agli inizi degli anni '70. La villa sorgeva in Via Aldini 42. Caratteristico era l'ingresso formato da due colonne che immettevano lungo un viale alberato occupato da stalle e fienili prima della Villa. Oggi la struttura è completamente decadente. L'area delle ex stalle è stata recentemente recuperata e annessa al parco Scheibler.










Gli interni della cascina della seta di Via Aldini 36 abbattuta nel 1991.

( Foto M. Redemagni).





Il Viale d'ingresso di Villa Caimi Finoli 

(foto senza indicazioni dell'autore dall' Archivio storico di Fondazione Carlo Perini).








Il cortile antistante Villa Scheibler nel 1986. La quattrocentesca struttura nasceva come casino di caccia di Ludovico il Moro nella seconda metà del '400. Ampliata nel '700 deve il suo nome all'ultima famiglia che la possedeva: gli Scheibler. Ristrutturata nel 2006 grazie a fondi europei del progetto Urban II, è oggi di proprietà del Comune di Milano.

(foto F. Pugnaloni).




Istallazione dell'artista tedesco Wolf Vostell ribattezzata "mig21" per il progetto Fluxus inaugurata il 2 Agosto del 1996 era alta circa 12 metri e si trovava nel piazzale antistante Villa Scheibler

(foto senza indicazioni dell'autore presente negli Archivi di Fondazione Perini).

Parrocchia Santi MM. Nazaro e Celso di Via Aldini 33. Eretta nel 1622 sotto la giudisdizione della Pieve di Trenno, è la chiesa del vecchio borgo di Quarto Uglerio. Fu modificata nel 1872 e nel 1897 ricostruita a causa di un incendio. Inaugurata nella forma attuale il 1 Aprile del 1900.

(foto senza autore presente negli archivi I "Vecchi" Amici di Quarto Oggiaro)





Ex asilo di Via Trilussa / Via Traversi nel 1988 ridotto a rudere. Oggi è un piccolo parchetto.

(Foto F. Pugnaloni).








pannello 2 - case minime






case minime veduta da Largo Boccioni nel 1966.

( Foto Paolo Bellomo)



Le case minime di Via Carbonia viste da Via Arsia nei primi anni '80.

(foto senza autore presente negli Archivi I "Vecchi" Amici di Quarto Oggiaro).


La farmacia Vialba dei coniugi Montagnani nella vecchia sede di Via Cogne 18. La foto risale al 16 Aprile 1958. Era parte dell'Archivio Fotografico Aldo Palazzi Editore. Lo scatto originale, posseduto da un antiquario di Parigi, è stato recentemente acquistato dall' Archivio I "Vecchi" Amici di Quarto Oggiaro.




Una fase della demolizione delle case minime. Nel 1984 inizia la fase di demolizione degli isolati e viene definitivamente completata nel 1990. Oggi nell'area che comprendeva questi alloggi, sorgono delle case di edilizia popolare ad opera del Comune di Milano.

(foto senza autore presente negli Archivi I "Vecchi" Amici di Quarto Oggiaro).





Lo stato di abbandono delle case minime nel 1986 prima della loro definitiva demolizione

(Foto F. Pugnaloni).



Uno sguardo da un appartamento si perde tra le case minime ormai abbandonate nel 1986.

(Foto F. Pugnaloni).









pannello 3 - aggregazione svago e socialità



Foto all'interno delle case minime negli anni'60.
I bambini erano liberi di giocare in ogni anfratto disponibile.
Famose erano inoltre le "cellule" all'interno delle palazzine di cui vediamo quella del P.S.I.

(Foto Archivio I " Vecchi" Amici di Quarto Oggiaro donazione Parrocchia Sant'Agnese).

Manifestazione del 1976 in Via Cesare Pascarella di Democrazia Proletaria per la costruzione in quartiere di servizi sociali e verde pubblico

( Foto C.Snelli).


Manifestazione dei lavoratori metalmeccanici negli anni '70 in Via Mambretti.

(foto senza autore presente negli archivi I "Vecchi" Amici di Quarto Oggiaro.



I mercatini rossi contro il carovita nel 1976 in Via Cogne.

(Foto C.Snelli).


Concerto degli Stormy Six del 22 Maggio 1976 al Festival del Fronte Popolare nella piazza di Via Luigi Capuana

(Foto C.Snelli).


Parrocchia di Santa Lucia inaugurata il 23 Dicembre 1962 e il suo oratorio nel 1963.
Il quartiere inizia ad ospitare centinaia di nuove famiglie e la parrocchia offre un posto sicuro per far giocare i figli.

(Foto Archivio I "Vecchi" Amici di Quarto Oggiaro donazione Parrocchia Santa Lucia).




pannello 4 - sport


I campi di calcio a Quarto Oggiaro sono fucina di grandi talenti. Un classico per molti anni è stato il Derby tra le società Aldini e Bariviera società calcistiche dal 1930 in Via Felice Orsini 78/84. Oggi le due società hanno costituito la U.S. Aldini Bariviera. 

(Foto E. Bozza).




Il centro cultura e sport di Quarto Oggiaro organizza nel 1987 i tornei di Basket. L'area di Via Michele Lessona 20 è oggi occupata dal Centro di Aggregazione Multifunzionale (CAM) intitolato al campione del mondo di pugilato Sandro Lopopolo che ha vissuto la sua vita a Quarto Oggiaro.

(Foto F. Pugnaloni).


Partita di pallavolo organizzata dal centro cultura e sport di Quarto Oggiaro nel 1987 sull'attuale area del CAM di Via Lessona 20.

(Foto F. Pugnaloni).


Tornei di pallavolo organizzato dal centro cultura e sport di Quarto Oggiaro nel 1987 sui campi dell' Associazione Quarto Oggiaro Vivibile.

(Foto F. Pugnaloni).


Tornei di basket organizzati nel 1987 dal centro cultura e sport di Quarto Oggiaro sull'attuale area oggi occupata dal CAM di Via Michele Lessona 20.

(Foto F. Pugnaloni).


La prima edizione della corsa " Du Pass per Quart" nel 1978. Tratto negli ex orti di Via Aldini che oggi ospitano un parco e i nuovi orti urbani.

(Foto C. Snelli).


La prima edizione della corsa " Du Pass per Quart" nel 1978 percorre la via Castellammare nel tratto che oggi ospita parte del complesso dei caseggiati di EuroMilano Parco Certosa.

(Foto C. Snelli).





pannello 5 - processioni e matrimoni funerali


Processione religiosa nel 1940 lungo il perimetro delle vecchie case minime che terminava alla ex chiesa di mattoni rossi, non più esistente, che sorgeva in Via Pier Francesco Cittadini dove oggi si trova l'Istituto di Istruzione Secondaria Paolo Frisi.
(Foto Archivio I "Vecchi" Amici di Quarto Oggiaro donazione Parrocchia Sant'Agnese).






La processione del 1940 lungo le strade della case minime.

(Foto Archivio I "Vecchi" Amici di Quarto Oggiaro donazione Parrocchia Sant'Agnese).

La processione del 1940 in corteo verso l'antica chiesa di mattoni rossi oggi demolita ha lasciato spazio alla nuova chiesa di Sant'Agnese inaugurata il 15 Maggio 1955

(Foto Archivio I "Vecchi" Amici di Quarto Oggiaro donazione Parrocchia Sant'Agnese).







Le processioni delle Comunioni delle bambine nel 1962 lungo la via Giovanni Vittani ancora in costruzione.

(Foto Archivio I "Vecchi" Amici di Quarto Oggiaro donazione Parrocchia Santa Lucia).


Corteo Nuziale all'interno delle case minime di Via Adele Zoagli nel 1959 accompagna la sposa verso la chiesa Sant'Agnese.

(Foto E. Bozza).





Corteo nuziale del 1959 sfila sotto gli occhi attenti delle persone che si affacciano ai balconi per un saluto.


(Foto E. Bozza).




Gli Sposi in Via Carlo Bossoli si preparano ai festeggiamenti ( 1959).

(Foto E. Bozza).



La conclusione della celebrazione del matrimonio dei Coniugi Bozza. il Corteo di auto sfila lungo Via Maria Drago. (1959).

(Foto E.Bozza).



Corteo funebre lungo la via Arsia nel 1954 verso la vecchia chiesa di mattoni rossi.

(foto M.L. Raimondi).







pannello 6- mobilità

Don Giovanni Zibetti nel 1959 percorre la Via Felice Orsini in bicicletta quando diventa parroco presso la vecchia cappella di Villa Scheibler. La parrocchia si trasferì da lì a pochi mesi nella cappella provvisoria della chiesa della Resurrezione di Nostro signore Gesù di Via Longarone 5. La chiesa come la vediamo oggi fu costruita nel 1963 su progetto dell'architetto Benvenuto Villa e Mariarosa Zibetti. Venne inaugurata il 19 Marzo 1967.

(foto Archivio Fondazione Perini e Archivio Parrocchia Resurrezione).





Uno scatto degli anni '50 in Largo Boccioni evidenzia la bellezza delle auto del tempo.

(Foto M. Pozzi).






Le motociclette negli anni '50 nei prati adiacenti le case minime di Via Zoagli.

(Foto E.Bozza).


In motocicletta nei primi anni '50 tra Via Arsia e Via Pier Francesco Cittadini e la scuola primaria Gherardini ancora in costruzione.

( Foto R. Zafaro).




In Lambretta lungo la Via Arsia negli anni '60.


(Foto R.Zafaro).

52 commenti:

  1. Bellissime foto, grazie per averle condivise.

    RispondiElimina
  2. Bellissime foto, grazie per averle condivise.

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! grazie

    RispondiElimina
  4. Bellissimi ricordi grazie, sono venuto ad abitare in via traversi nel lontano 56

    RispondiElimina
  5. Sono venuta ad abitare a Quarto che avevo 7 anni e ho visto costruire il quartiere. Quanti ricordi!!!!
    Grazie

    RispondiElimina
  6. Mio marito le ha vissute e dice bei ricordi.

    RispondiElimina
  7. Grazie e complimenti! Un pezzo di storia...

    RispondiElimina
  8. Che bel viaggio nel tempo, grazie!

    RispondiElimina
  9. Un tuffo nel passato per tanti. Rivedere queste foto per molti rappresenterà quanti passi in avanti si sono fatti nella vita di tutti i giorni... Dobbiamo solo riconquistare ampi stralci di grande comunità che un po si sono perduti... Ma il futuro è nelle nostra mani e sappiamo fare sempre meglio.

    RispondiElimina
  10. Grazie la bellezza di queste foto che ci ricordano il nostro quartiere e preziosa e ci fa percepire l'evoluzione fatta negli anni bravi complimenti per tutto il lavoro fatto.

    RispondiElimina
  11. Bellissimi ricordi di un infazia e adolescenza vissuta insieme a tanti amici.
    Un tuffo al cuore nel ricordare tutti i momenti trascorsi.
    Grazie per avermelo ricordati.
    Fabrizio

    RispondiElimina
  12. Quanti ricordi. Ho abitato a Quarto dal 1967 al1986

    RispondiElimina
  13. Bellissima iniziativa. Bravi

    RispondiElimina
  14. Ottime fotografie, che tengono viva la memoria storica di Quarto!!

    RispondiElimina
  15. BELLISSIMI SCATTI CHE DESCRIVONO PERFETTAMENTE IL TEMPO CHE FU, CHE CI FANNO VIVERE IN PRIMA PERSONA LE ATMOSFERE DI QUEGLI ANNI

    RispondiElimina
  16. Grazie,un tuffo nel passato ma soprattutto tanti ricordi della mia infanzia,un emozione incredibile grazie di cuore Gianluca

    RispondiElimina
  17. complimenti, bellissima iniziativa!

    RispondiElimina
  18. Non conosco bene Quarto Oggiaro e Vialba, ma le foto sono molto belle ed emblematiche. Complimenti per questa iniziativa mantiene viva la memoria di tante persone.

    RispondiElimina
  19. Grazie per l'invito, è stato un piacere rivedere luoghi che ho attraversato anni fa.

    RispondiElimina
  20. Interessante, istruttivo, emozionante. BRAVI!

    RispondiElimina
  21. Estremamente interessante. Un viaggio nel tempo curato nei dettagli. Davvero complimenti.

    RispondiElimina
  22. che bella. la mia nonna materna viveva nelle case minime e ho dei bellissimi ricordi dei pomeriggi passati da lei e della bella energia che si respirava tra le persone in quei caseggiati

    RispondiElimina
  23. Mi sono emozionata. grazie. Bellissima!! un saluto a tutti Paola

    RispondiElimina
  24. Bellissime foto. Danno un senso profondo di ciò che era il nostro passato. particolarmente colpita dagli scatti delle processioni degli anni '40

    RispondiElimina
  25. Magnifica sequenza di immagini inedite delle periferie. Questa sequenza di foto di Quarto Oggiaro e Vialba è veramente eccellente e mai vista prima . mi complimento del lavoro svolto.

    Ettore Galli

    RispondiElimina
  26. Sono venuta a conoscenza della mostra tramite un forum dedicato alla memoria storica che ne parlava. Mi vorrei sinceramente complimentare per la scelta degli scatti fotografici e della bellezza delle immagini amatoriali che donano un tocco speciale alla mostra. Sarei felice un giorno di poter eventualmente visitare fisicamente la mostra. bella davvero.
    Giulia Manzoni

    RispondiElimina
  27. Gennaro Iabocucci1 gennaio 2021 12:46

    Veramente eccellente. Un bellissimo spaccato della Quarto Oggiaro che nasceva e cresceva. complimenti e Buon Anno a tutti.
    Gennaro

    RispondiElimina
  28. Anita Perucchetti1 gennaio 2021 13:57

    Bellissima. grazie per queste emozioni.
    buon anno

    RispondiElimina
  29. molto belle,un bel viaggio nel tempo.

    RispondiElimina
  30. Buonasera amici di Quarto. mi hanno segnalato questa bellissima mostra. Sono tornato alla mia adolescenza in un lampo come in una macchina spazio tempo! complimenti. un saluto a tutti

    RispondiElimina
  31. che meraviglia!!! Complimenti

    RispondiElimina
  32. Alessia Pirovano2 gennaio 2021 18:09

    foto molto belle. un salto indietro nel tempo alla nostra gioventù

    RispondiElimina
  33. Fabio Ambrosino2 gennaio 2021 18:12

    I luoghi della mia infanzia! che emozione, grazie.

    RispondiElimina
  34. Bianca Venegoni6 gennaio 2021 17:52

    Che bella sequenza di foto! Complimenti.

    RispondiElimina
  35. come tornare all'adolescenza in 20 secondi? guardando queste foto. grazie da Mirko

    RispondiElimina
  36. ma che belle foto. Vi ringrazio di averle condivise perchè sono davvero emozionanti

    RispondiElimina
  37. Grazie per le belle foto.
    Nato in via Zoagli 1948 e domiciliato in via Carbonia,3 fino al 1958
    Mio padre era il sacrestano di Sant'Agnese

    RispondiElimina
  38. Maria Clara Leone17 gennaio 2021 14:59

    Un tuffo nei ricordi di una vita. Nata in via Lessona, ora vivo fuori ma torno spesso a trovare i miei genitori. spero che questa bella mostra si possa ammirare presto in presenza. grazie

    RispondiElimina
  39. che belle foto, complimenti per la scelta. mi è stata consigliata questa mostra da una mia amica e ne sono rimasta affascinata. grazie

    RispondiElimina
  40. Giulio Capitani29 gennaio 2021 20:20

    Ho rivisto i luoghi della mia infanzia e ho provato un tutto al cuore. grazie. Un saluto a Quarto Oggiaro da Valencia :-)

    RispondiElimina
  41. Riccardo Ferrari18 aprile 2021 18:37

    veramente spettacolare.bellissima iniziativa.

    RispondiElimina
  42. Vedo oggi queste belle foto. Complimenti a tutti.

    RispondiElimina
  43. Veramente eccezionali queste foto. complimenti

    RispondiElimina